Agenda 21 sul piano rifiuti

20 luglio 2005 di admin Lascia un commento »

Striscioni e bandiere (anche verdi) in piazza Morgagni. no all’inceneritore si al riciclo.
La sala è stracolma, il caldo è torrido (forse l’incenerimento comincia da qui).
I facilitatori del forum di A21 Marotta e Costa, hanno il compito arduo di organizzare i lavori.
Le tre riunioni separate proposte nella convocazione paiono inutili, i temi sono troppo simili e si sceglie il tavolo unico.
Si parte con una fila continua e di interventi critici al piano e propositivi di un percorso alternativo, non entro nel dettaglio i contenuti sono quelli di sempre, riduzione, riuso, riciclo, poi valutazione delle necessità  di incenerimento.
Sinistra ecologista, tantissimi cittadini, rifondazione, clandestino, verdi, articolano critiche e proposte , Zanniboni di Romagna Riformista e popolare pone l’accento sulla territorialità . Unico Amministratore presente Palmiro Capacci come spettatore. Vengono scritte con difficoltà  su grandi tabelloni di cartone appoggiati su un grande tavolo proposte critiche obiezioni.
Tanti parlano e riparlano nessuna voce discorde, è evidente che non c’è in giro nessuno che sia di opinione diversa se non in Hera, o fra gli amministratori locali.
Marotta e l’altro intervengono poco e lasciano fare.
Alla fine si cerca di sintetizzare in punti che vengono posti ai voti e approvati all’unanimità  come richieste specifiche all’Amministrazione Provinciale che verranno pubblicati sul sito della Provincia fra qualche giorno nello spazio Agenda 21:

1.Rispetto delle fasi temporali richieste dal Forum di Agenda 21. Prossimo incontro a settembre, con comunicazione degli esperti scelti dal Forum.
Richiesta di sospensione degli iter autorizzativi degli inceneritori di Hera e Mengozzi, sospensione delle discussioni della bozza di PPGR e abolizione della Bozza di PPGR stilata dall’amministrazione precedente.
2.Responsabilizzazione degli Amministratori nelle scelte (responsabili delle scelte che fanno). Richiesta la loro presenza nei prossimi Forum di Agenda 21.
3.La filosofia della bozza di PPGR attuale non è condivisa dal Forum (No alla terza linea dell’inceneritore)
4.Creazione di un Piano alternativo che deve partire dalla Raccolta Differenziata porta a porta e deve essere stilato da tecnici di fiducia del Forum di Agenda 21 (pagati dall’Amministraz. Provinciale)
5.Richiesta di maggiori informazioni puntuali sui dati contenuti nella bozza di PPGR.
6.Il piano alternativo deve essere inserito in un contesto di V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica) e, quindi, tenere conto di tutti gli altri piani e viceversa (qualità  dell’aria, energetico, salute, traffico e PTCP).
7.Devono essere dati supporto, informazioni, incentivi e coinvolgimento alle aziende.
8.Coinvolgimento, informazione ed educazione ai cittadini dall’asilo con didattiche adeguate volte al perseguimento della riduzione dei rifiuti e alla sensibilizzazione del riutilizzo e riciclo attraverso protocolli adeguati.

Ho pensato di mandare questo promemoria ai giornali perché l’importante momento di democrazia e di dibattito di ieri sera, non resti chiuso in quella sala ma esca e si sappia e non possano i nostri amministratori continuare cocciuti sulla loro strada.
Si propone di ripartire a settembre in una data abbondantemente preannunciata, in spazi maggiori (le condizioni logistiche della saletta erano veramente difficili e tre ore li non sono state rette da molti) con un invito esteso a tutti: cittadini, associazioni e realtà  interessate.
Così come per la presa di posizione dei medici della nostra provincia, che è un dato rilevante che inquieta la coscienza di tutte le persone, l’esigenza che la partecipazione non sia un paravento dietro al quale continuare ad agire come nulla fosse.
Non può essere liquidato dagli amministratori locali con un’alzata di spalle il contributo, la volontà  e l’impegno dei cittadini.
Lo scetticismo è ancora alto perché la decisione di fare un nuovo inceneritore sembra presa a prescindere, ma una crepa nella convinzione di andare avanti comunque, contro tutto e contro tutti, forse comincia ad aprirsi.

20.7.05 Fausto Pardolesi

Pubblicità

Lascia un commento