Quartiere Cesuola di Cesena chiede il Porta a Porta

17 luglio 2007 di admin Lascia un commento »

Il Quartiere di Cesuola di Cesena chiede il porta a porta, approvando un ordine del giorno apposito grazie anche all’intenso lavoro dei Verdi e del MIZ (Movimento Impatto Zero) . Segue il testo dell’ordine del giorno approvato.

Il Consiglio di Quartiere Cesuola

Considerato che
– la riduzione della quantità di rifiuti, il riciclo e il riutilizzo, sono obiettivi prioritari della gestione dei rifiuti;
– gli esiti dei primi mesi di sperimentazione della raccolta differenziata nel Comune di Forlimpopoli sono molto incoraggianti (oltre il 70% della raccolta);
– la limitazione delle emissioni nocive, sia per il clima che per la salute, (tra cui quelle provenienti dagli inceneritori) deve diventare una priorità improcrastinabile;
– la sensibilità ambientale dei cittadini del nostro territorio è notevolmente aumentata negli ultimi anni;
– già il Consiglio Comunale di Cesena con una proposta di Ordine del Giorno del gennaio 2005 impegnava la Giunta Comunale “…ad attivare tutte le strategie possibili per un effettivo potenziamento della raccolta differenziata…”;

Chiede
All’Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena, all’Amministrazione Comunale di Cesena, alla Presidenza di ATO Forlì-Cesena, di avviare entro i prossimi 12 mesi un’esperienza di raccolta differenziata secondo il metodo del porta a porta, nel territorio del Quartiere Cesuola (già 1° quartiere pilota per la raccolta dei rifiuti su base differenziata).

Ribadisce
la necessità che tale procedura sia accompagnata dalle seguenti modalità di attuazione:
1) istituzione di una commissione di verifica in cui sia presente anche un rappresentante dei quartieri;
2) predisposizione di opportuni strumenti che rilevino le tipologie, e relative quantità, di rifiuti raccolti e determinarne i conferimenti al riciclo-riuso;
3) attenzione alle procedure di affidamento del servizio, al rapporto fra gestore e subappaltatori, al coinvolgimento delle cooperative per l’inserimento sociale;
4) fornitura di composter per il recupero dell’organico in giardini od orti privati;
5) applicazione di tariffe personalizzate (per premiare la minor quantità di rifiuti indifferenziati).

Considera che la proposta qui avanzata possa essere accolta dall’Amministrazione Comunale per il raggiungimento dell’obiettivo prioritario, ribadito anche nel programma politico del Sindaco, per la salute dei cittadini della nostra città.

Ritiene che i risultati conseguibili, come dimostrano esperienze analoghe, siano:
– la diminuzione della quantità totale dei rifiuti;
– la diminuzione dei quantitativi di rifiuti da avviare in discarica o all’incenerimento;
– la riduzione degli inquinanti immessi nell’ambiente e nell’atmosfera;
– la eliminazione, da strade e piazze, dei cassonetti (e relative problematiche);
– l’impulso alla creazione di imprese nel campo del riuso e del riciclo di materie;
– il coinvolgimento dei cittadini nell’attuazione di politiche innovative ed eco-compatibili

Pubblicità
  1. Barbara Martini ha detto:

    I Verdi hanno dato il loro contributo, ma credo che il contributo maggiore di questa proposta, sia stato quello dei liberi cittadini aderenti al MIZ, Movimento Impatto Zero di Cesena, i quali hanno presentato una petizione a favore dell’introduzione del “porta a porta” a Cesena, sollecitando Verdi, Quartieri, amministratori e dedicando molto del loro tempo e delle loro energie a questo scopo, andando personalmente a discuterne loro.

  2. Alessandro Ronchi ha detto:

    Hai ragione Barbara, il risultato non è solo dei Verdi. I Verdi però è da anni che parlano di questi temi, e già prima della campagna elettorale del 2004 hanno invitato il Priula a parlare di porta a porta.

    Aggiungo un riferimento al MIZ nell’articolo, vi è dovuto perché avete dato una grossa spinta al dibattito nella città di Cesena, ma eviterei di fare la gara a chi ha dato di più su questa battaglia, che invece è un esempio di come si lavora correttamente insieme su temi di interesse comune, ognuno nel proprio ruolo.

    Grazie per quello che avete fatto.

Lascia un commento