Commisssione secretata sulle vicende del Gruppo Amadori

31 ottobre 2008 di omordenti Lascia un commento »

Comunicato stampa di Davide Fabbri, consigliere comunale dei Verdi di Cesena, su Commissione secretata del 29 ottobre 2008 sulle vicende del Gruppo Amadori.

Il Consigliere Fabbri desidera dare un consiglio al Sindaco di Cesena Giordano Conti: sia meno arrogante e dirigista, abbia più coraggio nel difendere i diritti dei lavoratori.

Prendo atto della scelta scellerata ed irresponsabile (sia dei Sindacati confederali CGIL-CISL-UIL e Azienda Amadori) di non partecipare alla Commissione Consiliare istituzionale; sia i Sindacati che l’Azienda Amadori affermano, nelle loro rispettive lettere, che hanno deciso di sottrarsi al confronto istituzionale, poiché non si vuole “assecondare un tentativo chiaro di speculazione e strumentalizzazione politica” in atto da diverso tempo.

Sia i Sindacati confederali CGIL-CISL-UIL che l’Azienda Amadori, decidendo di non partecipare all’incontro di Commissione, si sottraggono pertanto al confronto istituzionale, utilizzando le stesse motivazioni e lo stesso linguaggio.
Risulta chiaro ed evidente che il loro disegno politico è comune.
Io, al contrario di altri, non ho cambiato idea sul metodo con cui è stata fatta la scelta della Commissione Consiliare secretata; una scelta che reputo sbagliata; una decisione che rappresenta una palese violazione della legalità istituzionale; infatti la Legge ed il Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari prevedono che le “porte chiuse” possano essere invocate solo su questioni attinenti alla sfera della privacy di persone e/o imprese: la questione dei malori dei lavoratori del Gruppo Amadori non rientra all’interno di questi vincoli.
Il Sindaco Conti in Commissione secretata ha dimostrato di avere i nervi molto scoperti, ha sbraitato in maniera scomposta ed irritante, in assenza di argomenti a proprio favore.
Il Sindaco Conti ha minacciato di querelare il sottoscritto e le associazioni MIZ – MeetUp – Tavolo Cesena, in quanto – non avendo argomenti validi da spendere – intende usare le solite intimidazioni del potere per cercare di zittire il conflitto politico che è in atto.

Il Sindaco Conti, che ha proposto nella Conferenza dei Capigruppo del 9 ottobre la Commissione Consiliare a “porte chiuse”, è lo stesso che dichiara candidamente alla stampa: “fosse stato per me, io la Commissione l’avrei fatta pubblica, a porte aperte”.              Siamo veramente messi male….

Pubblicità

Lascia un commento