A noi la patata piace Bio: Sabato Mattina in Piazza Dante distribuiremo patate biologiche nostrate al Mercato di Piazza Dante

12 marzo 2010 di admin Lascia un commento »

A noi la patata piace BIOGLI OGM DISTRUGGONO L’AGRICOLTURA ITALIANA E MINACCIANO LA SALUTE DEI CITTADINI E LA BIODIVERSITA’. I VERDI E SINISTRA E LIBERTA’ DISTRIBUISCONO LA VERA PATATA NOSTRANA E BIOLOGICA

La distribuzione di vere patate nostrane e biologiche organizzata dai Verdi e Sinistra Ecologia e Libertà è volta a sensibilizzare i cittadini sui rischi connessi alla decisione della Commissione europea di autorizzare la coltivazione della patata OGM Amflora, prodotta dalla multinazionale Bayer.

E’ necessaria una mobilitazione in tutto il paese per evitare la semina con OGM, per impedire che l’agricoltura italiana sia contaminata, per salvare il made in Italy e garantire la sicurezza alimentare. Verdi e SEL si augurano che questa battaglia sia condotta insieme con il mondo agricolo e associativo che vuole difendere l’agricoltura italiana di qualità.

A livello tecnico – giuridico si sta già lavorando al quesito referendario per evitare che la nostra agricoltura di qualità, biologica e tipica venga cancellata dalla decisione di autorizzare la coltivazione della patata transgenica della Bayern.

La coltura autorizzata presenta rischi molto elevati, e viola sia il principio di precauzione nei confronti delle colture geneticamente modificate, sia la direttiva UE che proibisce l’autorizzazione
agli OGM che contengono geni di resistenza ad antibiotici importanti per la salute umana.

La multinazionale tedesca Bayern è già stata condannata a risarcire negli Stati Uniti diversi produttori agricoli che hanno visto contaminate le loro piantagioni a causa delle sperimentazioni di colture geneticamente modificate che l’azienda stava testando.

La decisione della Commissione europea rompe una moratoria ‘di fatto’ in atto da 12 anni (dal 1998) sulle autorizzazioni alle coltivazioni di piante transgeniche.

Elezioni Regionali 2010 Emilia Romagna Sinistra Ecologia Libertà Verdi

Pubblicità

Lascia un commento