SAPRO : I VERDI SI COSTITUIRANNO PARTE CIVILE NEL PROCESSO – SONO GLI UNICI AD AVERNE DAVVERO TITOLO

22 agosto 2013 di Verdi Forlì Lascia un commento »

SAPRO : I VERDI SI COSTITUIRANNO PARTE CIVILE NEL PROCESSO – SONO GLI UNICI AD AVERNE DAVVERO TITOLO

IVerdi sono stati i soli, mentre  TUTTI gli altri dormivano o stavano convenientemente silenti o erano d’accordo, a denunciare costantemente in ogni occasione quanto Sapro faceva, le operazioni sbagliate, la connivenza delle amministrazioni, i danni per il territorio e l’economia.

I Verdi hanno dunque assai più titoli del Comune di Forlì i cui amministratori, negli anni precedenti il 2010 hanno chiuso tutti e due gli occhi di fronte al disastro Sapro.

Solo per memoria , si riporta qui di seguito uno stralcio di un comunicato stampa  di Davide Fabbri,  Verdi di Cesena, a cui tutti fecero orecchie da mercante , nel migliore dei casi.

… il Comune di Cesena, consapevole del colpevole ritardo nell’attuazione della convenzione da parte di SAPRO, liquida con danaro pubblico SAPRO, copre le inadempienze di SAPRO, non mettendo in atto le indispensabili azioni sulle responsabilità pesantissime di SAPRO….

 …Il Comune di Cesena, coprendo le responsabilità di SAPRO, chiude il rapporto con SAPRO non chiedendo i danni a SAPRO per gli errori fin qui commessi: il mancato rispetto delle convenzioni, la mancata attuazione del piano, SAPRO è risultata inadempiente agli oneri e agli obblighi assunti nel lontano 1997 ….

C’era già molto di quanto sta emergendo.

Davide venne addirittura denunciato., col solito metodo di tentare di zittire gli avversari  intimorendoli con citazioni e querele.

I Verdi di Forlì  infinite volte hanno descritto il giro di interessi , le operazioni poco limpide, che riguardavano Sapro, fino ad anticipare nelle proprie denunce pubbliche le stesse conclusioni a cui sono giunte le indagini oggi.

Sarà interessante approfondire il ruolo del siastema bancario forlivese in questa vicenda che sta provocando danni anche ai risparmiatori : infatti crediamo che la sofferenza del sistema bancario locale sia anch’essa in gran parte generata dal buco enorme provocato dal fallimento di Sapro ma ancor prima dalla politica dissennata che esse hanno condiviso : non vorremmo che l’abbassamento di un terzo del valore delle azioni della locale Cassa dei Risparmi  che lamentano numerosi piccoli azionisti derivasse anche dalle perdite immagazzinate grazie a Sapro.

I Verdi ritengono  quindi di avere titolo per costituirsi parte civile nel processo per il ruolo ( solitario)  fin  qui avuto conducendo una battaglia contro un carozzone che ha fatto solo danni alla società forlivese e alla sua economia.

I Verdi infine guarda con distacco i sepolcri imbiancati che , risvegliati dalle indagini e dal fallimento, oraun progetto inutile e vano esempio di zona produttiva Sapro prendono le distanze da ciò che hanno condiviso per anni.

Pubblicità

Lascia un commento