Primissime simulazioni che sono state fatte nelle scorse settimane, quindi prima ancora di vedere il simbolo e di leggere i nomi dei candidati, davano un’eventuale movimento verde attorno ad un potenziale 2-3% come punto di partenza alle Europee, con un forte interesse proprio tra gli elettori dem e quelli pentastellati

9 Aprile 2019 di Verdi Forlì Lascia un commento »

Primissime simulazioni che sono state fatte nelle scorse settimane, quindi prima ancora di vedere il simbolo e di leggere i nomi dei candidati, davano un’eventuale movimento verde attorno ad un potenziale 2-3% come punto di partenza alle Europee, con un forte interesse proprio tra gli elettori dem e quelli pentastellati. Se queste indicazioni venissero confermate, anche senza le percentuali dei verdi tedeschi e austriaci, il 26 maggio potrebbe esserci una sorpresa green (d’altronde tutto è Possibile) ai danni di Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio, a loro volta impegnati nel duello su chi sarà la seconda forza alle spalle della Lega.

Questo contenuto è stato pubblicato sulla nostra pagina Facebook:
Apri il link

Pubblicità

Non è permesso il rilascio di commenti per questo articolo.