Articoli correlati ‘Salute’

OGM: VERDI, GRAVE DECISIONE BRUXELLES. PRONTI A REFERENDUM DEPOSITEREMO QUESITO GIÀ LA PROSSIMA SETTIMANA

2 Marzo 2010

La decisione della Commissione europea di autorizzare la coltivazione della patata Amflora prodotta dalla multinazionale Bayer è gravissima e inaccettabile. Per questo i Verdi sono pronti a presentare un quesito referendario già dalla prossima settimana per evitare che gli Ogm vengano coltivati in Italia.

La coltura autorizzata presenta dei profili di rischio molto alti perchè avrebbe un gene marker che provoca resistenza ad un antibiotico importante per la salute umana. In questo modo non solo è stato violato il principio di precauzione nei confronti delle colture geneticamente modificate ma anche la direttiva Ue 2001/18 che proibisce espressamente l’autorizzazione per gli Ogm che contengono geni di resistenza ad antibiotici importanti per la salute umana.

Si tratta di un vero e proprio assalto alla sicurezza alimentare, alla nostra agricoltura tipica, di qualità e biologica: insoma a rischio c’è tutto il made in Italy agrolimentare. I Verdi si mobiliteranno con forza, assieme a tutti i soggetti impegnati a difendere la tradizione agroalimentare del nostro paese e la salute dei
cittadini dalle colture geneticamente modificate.

Quella che abbiamo davanti sarà una nuova stagione di referendum, sugli ogm, sul nucleare e sulla privatizazione dell’acqua per salvaguardare l’ambiente,
la salute dei cittadini e il diritto di tutti ai beni comuni.

IL QUALUNQUISMO DELLA LISTA GRILLO

23 Gennaio 2010

Abbiamo letto con stupore il giudizio politico – ingeneroso e impietoso – che la lista di Grillo dà sul ruolo dei Verdi di Cesena.

Questo nostro commento, parte da una falsità plateale dei Grillini: “I Verdi hanno votato a favore degli inceneritori”.

I Verdi di Cesena e dell’intera Provincia non hanno mai votato a favore degli inceneritori. I Verdi hanno da sempre contrastato politiche dannose per la salute dei cittadini e per l’ ambiente, come quelle dell’incenerimento dei rifiuti (vinta ad esempio dall’ opposizione la battaglia politica per evitare la costruzione di
un inceneritore della pollina, proposto a Pievesestina di Cesena, a Sogliano sul Rubicone, a Forlimpopoli).

E’ merito dei Verdi di Cesena se il Consiglio Comunale si è espresso da tempo per una moratoria per la non realizzazione degli inceneritori.
Veniamo poi accusati dai Grillini di “essere (in quanto partito politico) una casta di professionisti della politica”. Siamo indignati di fronte a queste affermazioni, vere e proprie aberrazioni, rivolte per giunta esclusivamente nei nostri confronti. Rivendichiamo il nostro agire all’interno di un partito politico, con regole – principi e pratiche democratiche condivise; in un partito sono contemplati metodi democratici per effettuare le scelte, al contrario della lista autoritaria comandata da un comico e guru mediatico, non eletto da nessuno. Continua a leggere: IL QUALUNQUISMO DELLA LISTA GRILLO

135 DEPUTATI DEL PARTITO DELLE LIBERTÀ PER UNA NUOVA LEGGE CONTRO I TUTTI CITTADINI FORLIVESI E LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE

12 Maggio 2009

Sono queste le libertà del principale partito che sostiene Rondoni!
L’hanno firmata tutti i deputati del PDL dell’Emilia – Romagna
Sia onesto e la smetta di parlare di ambiente

Libertà di inquinare, libertà di manomettere territorio, paesaggio e ambiente, libertà di mettere a rischio la salute dei cittadini anche se gli atti con cui sono assunte le decisioni e approvati i progetti sono illegittimi, è quanto hanno proposto i 135 deputati di AN e CdL , pochi giorni prima di riunirsi sotto il nuovo tetto del PdL. Ora il PdL va in commissione.

Centinaia e migliaia di cittadini forlivesi negli anni hanno usufruito della norma prevista dalla legge istitutiva del Ministero dell’Ambiente, ( presidente del consiglio Craxi, ministro Alfredo Biondi poi Zanone ), ricorrendo al TAR, in collaborazione con le associazioni ambientaliste, contro opere che illegittimamente ledevano il loro diritto ad un ambiente sano, ad un territorio non compromesso da opere spesso devastanti. Continua a leggere: 135 DEPUTATI DEL PARTITO DELLE LIBERTÀ PER UNA NUOVA LEGGE CONTRO I TUTTI CITTADINI FORLIVESI E LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE

Centrale Elettra di Durazzanino: da soli non si vince

6 Maggio 2009

DA SOLI NON SI VINCE E SE SI VINCE NON SI POSSONO PRENDERE TUTTI MERITI CHE SONO DA CONDIVIDERE

La battaglia di tantissimi cittadini contro la centrale di Durazzanino, del comitato sorto spontaneamente, dapprima in difesa del suo back yard, poi via via strutturatosi con una visione più ampia, non esauriscono il novero di coloro che possono vantare meriti per la conclusione di una vicenda che avrebbe avuto esiti molto negativi per la città di Forlì e per la salute dei suoi abitanti.

Infatti altre forze sono state in campo e hanno dato il loro contributo perché sulla centrale venisse posta una definitiva pietra sopra, che ne impedisse addirittura la riproposizione.

Fra queste forze un ruolo importante è stato svolto dai Verdi che coerentemente, in ogni sede, in ogni istituzione, non hanno mancato mai, neppure per un momento, di contrastare tecnicamente, amministrativamente e politicamente la centrale nei luoghi ove erano eletti, negli ambiti ove se ne discuteva e in mezzo ai cittadini, , con azioni a livello parlamentare , in regione, in provincia e in comune.

Occorre ricordare infatti il ruolo importante assunto dalla regione e dalle amministrazioni locali nella attività di contrasto della centrale, tanto che in sede di Valutazione di Impatto Ambientale il rappresentante della regione ha presentato una relazione approfondita e contraria alla centrale, portando a sostegno della posizione espressa tutti i pareri contrari unanimi delle amministrazioni locali interessate. Continua a leggere: Centrale Elettra di Durazzanino: da soli non si vince

Forlì, Politica: No all’aranciata senza arance

26 Aprile 2009

Grazie, si fa per dire, a PDL e Lega anche in Italia sarà consentito commercializzare aranciate che non contengono affatto arance ma solo additivi, coloranti e dolcificanti.
Un duro colpo alla salute dei cittadini e alla nostra agricoltura.
I ministri delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Lega Nord) e Politiche Europee (PDL) non hanno fatto nulla – nonostante proclami e promesse – per rimediare al “fattaccio” determinato dai senatori del proprio schieramento.
Per non lasciare cadere nel vuoto le giuste proteste delle associazioni dei consumatori e degli agricoltori – prime ad aver protestato con forza contro questa scelta assurda – i VERDI regaleranno arance biologiche ai cittadini LUNEDI’ 27 aprile ’09, alle ore 11, in P.zza Saffi/angolo Via Volturno.