Eni vuole utilizzare i giacimenti di gas ⛽️ al largo delle coste ravennati per riempirli di Anidride Carbonica prodotta nei processi di combustione dei loro impianti.

Questo sistema impedirebbe di ridurre e rimettere in discussione la quantità di combustibili fossili utilizzati.

Si tratta di una tecnologia ancora sperimentale ed insostenibile economicamente, a meno di impiegare enormi quantità di denaro 💰 pubblico destinato alla transazione ecologica ed alle tecnologie 100% green.Lo stoccaggio potrebbe provocare gravi effetti sismici nel territorio ravennate, che andrebbe invece tutelato e protetto.

Fridays for future Italia ha lanciato un appello pubblico, aperto a tutti, finalizzato a contrastare la costruzione di questo #CCS💨 (Carbon Capture and Storage) e a promuovere un utilizzo del recovery fund in progetti che permettano una transizione energetica ecologica.

Vi invitiamo a firmarlo 👇https://forms.gle/mynkKPWWPMZvupdn6

Categorie: ClimaEnergia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.