NO ALLA #CACCIA!

Anche quest’anno, Silvia Zamboni ha votato contro al calendario venatorio dell’Emilia-Romagna. I Verdi da sempre si sono dichiarati contrari alla caccia in quanto attività ludica che si svolge a spese della vita di altri esseri viventi, ed in passato abbiamo co-promosso un referendum per abolirla.

Nell’intervento in commissione abbiamo sottolineato che il nuovo calendario venatorio non recepisce le osservazioni fatte da LAC – Lega per l’Abolizione della Caccia, Animal Liberation, LAV e WWF Bologna che evidenziano le specie di volatili che, insieme alla volpe, andrebbero escluse dall’attività venatoria: marzaiola, tortora selvatica, allodola, pavoncella, moriglione, codone, beccaccino, beccaccia e frullino.

Insoddisfacente nel calendario venatorio anche l’invito, e non l’obbligo, a evitare l’uso dei proiettili al piombo, munizioni che per Europa Verde dovrebbero invece essere vietate, in quanto il piombo è una sostanza tossica che minaccia l’ecosistema.Insieme a divieti più stringenti, come Verdi chiediamo anche maggiori controlli.Infine va contrastato il bracconaggio e vanno intensificate le attività di prevenzione degli illeciti penali e amministrativi.

Abbiamo presentato nei mesi scorsi un’interrogazione alla Giunta su zone di caccia da terraferma spacciate per umide, a seguito della quale sono stati svolti controlli che hanno portato al ritiro di concessioni.

Europa Verde continuerà a farsi portavoce delle associazioni che contrastano l’attività venatoria per salvaguardare in prima linea le specie protette, la biodiversità e l’ecosistema regionale

Categorie: Generale

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.