Liberiamo le scuole dalle auto!

Oggi Europa Verde ha presentato un progetto di legge regionale di iniziativa popolare per istituire le strade scolastiche. Presenti alla iniziativa la prima firmataria e candidata Linda Maggiori, autrice del libro “Vivo senz’auto”, il coportavoce provinciale e candidato Alessandro Ronchi, la segretaria generale del gruppo dei Verdi Europei al parlamento Leggi tutto…

Giusto aprire ai monopattini elettrici

La norma che regolamenta i monopattini elettrici poteva essere migliore? Non ci sono dubbi. Ma la strumentalizzazione elettorale del vicesindaco Mezzacapo è inconcepibile. Al contrario di quanto afferma, infatti, comunque si tratta di una norma positiva, che andrà integrata con ulteriori iniziative per promuovere la micromobilità sostenibile. I monopattini elettrici Leggi tutto…

PARCHEGGI : C’È GENTE CHE HA LA FACCIA DI BRONZO

PARCHEGGI : C’È GENTE CHE HA LA FACCIA DI BRONZO MENTRE ALTRI METTONO A RISCHIO I POLMONI DEI CITTADINI DI FORLÌ ANCHE PER IL FUTURO.

Nel dibattito, davvero ripetitivo e inconcludente che riguarda i parcheggi in centro storico, il loro costo, la loro gratuità il pomeriggio del sabato ci si comporta come con la nazionale di calcio : tutti allenatori, ciascuno capace di fare la migliore formazione dimenticando che l’oranizzazione del traffico è una scienza e che ogni scelta dovrebbe discendere da obiettivi dichiarati e perseguiti e non da misure improvvisate per accontentare questo o quello.

Perfino un vecchio assessore , responsabile per anni della mancata realizzazione di ogni intervento che migliorasse l’accessibilità al centro e limitasse il traffico privato per il benessere di tutti e per una migliore vivibilità della città, ora si permette di censurare i parcheggi gratis il sabato, sperando che ci si dimentichi che fu proprio lui a volerli quando era in carica..

I Verdi contestano a questa amministrazione la “parcheggite” cioè l’eccessivo, inutile e contraddittorio piano per la realizzazione di nuovi parcheggi in centro, alcuni interrati come quello di piazza Guido da Montefeltro, imposto dalla Fondazione e supinamente accettato dal Sindaco, altri a raso su aree da sempre inedificate e libere in centro storico. (altro…)